↑ Torna a tematiche

piccole derivazioni

La legge definisce “piccole derivazioni” quelle che non eccedono i 3.000 kW di potenza nominale media annua di concessione . Le principali differenze  tra le concessioni di grandi e di piccole sono relative al destino degli impianti al termine della concessione. Infatti alla scadenza della concessione per le piccole derivazioni è possibile il rinnovo, qual’ora non in contrasto con prevalenti motivi di interesse pubblico, mentre per le grandi derivazioni il d.lgs. 79/1999 (cosiddetto decreto Bersani,) prevede il passaggio delle opere allo Stato e la riassegnazione della concessione mediante l’espletamento di gara onerosa ad evidenza pubblica.

Le piccole derivazioni idroelettriche si dividono in:

  • concessioni in essere

  • istanze di concessioni  in istruttoria, suddivise ulteriormente in “istruttoria – attive” e “istruttoria – non attive” .

Le concessioni in essere sono concessioni di derivazioni già attive e con provvedimento  di concessione in corso di validità;

Le istanze di concessioni in “istruttoria – attive” sono concessioni di derivazioni in essere con provvedimento di concessione scaduto e in fase di rinnovo o con in corso istanza di variante.

Le istanze di concessioni in “istruttoria – non attive” sono  istanze di nuove concessioni di derivazione non ancora attuate e in fase d’istruttoria. In quest’ultimo gruppo  sono comprese tutte le  nuove domande e quindi sono ricomprese anche le numerose domande tra di loro “concorrenti”. Per la presenza di  numerose istanze in concorrenza il numero risulterà sicuramente molto maggiore rispetto a quello che potrà essere effettivamente concesso dall’autorità preposta al termine dell’istruttoria. Infatti per l’istanza che sarà concessa le altre istanze concorrenti saranno respinte. Per i criteri di “scelta” tra le varie istanze concorrenti si rimanda all’articolo 14 del Regolamento Regionale 24 marzo 2006, n. 2.

La competenza amministrativa riguardante le piccole derivazioni è della Provincia.

Dati aggiornati a ottobre 2012:

101 concessioni vigenti di piccola derivazione d’acqua ad uso idroelettrico

83 domande di piccola derivazione d’acqua ad uso idroelettrico ammesse in istruttoria delle quali 16 tra  gennaio 2010 e giugno 2012 dopo l’approvazione del  Piano Bilancio Idrico. Dopo tale data non si sa

59 domande di piccola derivazione d’acqua ad uso idroelettrico respinte nel periodo gennaio 2004 – ottobre 2012. Dopo tale data non si sa

  TABELLA PICCOLE CONCESSIONI (502,5 KiB, 1.069 hits)

Leggi anche:

  Piccole derivazioni idroelettriche in provincia di Sondrio (69,1 KiB, 963 hits)