↑ Torna a tematiche

demanio idrico

Viene definito  demanio idrico il complesso di  fiumi, laghi, torrenti,  acque superficiali e sotterranee, invasi, di una determinata zona, nel nostro caso la provincia di Sondrio. Il demanio idrico della provincia di Sondrio è di competenza della Regione  Lombardia per quanto riguarda le “grandi derivazioni” e della Provincia di Sondrio per le “piccole derivazioni”.

L’Ente Provincia di Sondrio non dispone di un “Ufficio Acque” o “Demanio Idrico”, e le competenze sono affidate al settore “Pianificazione Territoriale, energia e cave”. In provincia si quindi si, benchè si produca circa il 13% della produzione nazionale di energia idroelettrica  non si ha  una struttura “dedicata”, come invece avviene in tante altre province con un patrimonio idrico molto inferiore al nostro.

Alcuni anni fa  una normativa statale aveva previsto che per le province  interamente montane la titolarità dell’intero demanio idrico potesse passare dalle Regioni alle Province. Alcune Province hanno colto al volo la possibilità e detengono ora la piena titolarità, Sondrio no. Attualmente questa competenza potrebbe essere trasferita alla Provincia soltanto per delega dalla Regione Lombardia (cioè per volontà politica e non per normativa statale).

Dopo aver perso l’opportunità offerta dalla normativa statale, la provincia di Sondrio ha provato a più riprese ma con pochissima convinzione a richiedere il trasferimento delle competenze/titolarità del demanio idrico.